Home / YouTube Marketing / Ricerca parole chiave: come sceglierle per posizionarsi su YouTube

Ricerca parole chiave: come sceglierle per posizionarsi su YouTube

Qualsiasi attività SEO parte dalla ricerca parole chiave. La stessa cosa è valida per posizionare video su YouTube e provare a posizionare i video nelle SERP di Google. Partendo dal presupposto che YouTube è di sua proprietà, Google stesso a volte preferisce inserire i video ben posizionati su YouTube, anche nei suoi risultati di ricerca (SERP) web.

Cos’è la parola chiave

Il primo mito da sfatare è che la parola chiave (così come il tag) sia quell’elemento magico che permetta di scalare le SERP di Google, indipendentemente dalla qualità dei contenuti e dalle reali esigenze degli utenti.

Così come tutto il web, anche YouTube è formato da un elevatissimo numero di utenti, che navigano per cercare un contenuto di cui hanno bisogno. Per aiutarli in questo obiettivo esistono i motori di ricerca, ai quali gli utenti chiedono determinati contenuti attraverso determinate ricerche. Obiettivo dei motori di ricerca è fornire all’utente il miglior contenuto possibile tra tutto ciò che è pubblicato sul web, pertanto si dota di algoritmi via via sempre più sofisticati e precisi per raggiungere questo obiettivo.

Questa doverosa premessa è per dire che quando si decide di pubblicare un contenuto online, non va elaborato pensando a Google, ma pensando a cosa vuole l’utente e a come soddisfare le sue esigenze. Questo è anche l’obiettivo di Google.

La parola chiave è l’elemento che ci può dare indicazioni utili rispetto alle esigenze dell’utente, Google stesso ha tutto l’interesse a farci sapere quali sono le parole chiave più ricercate da parte degli utenti, in modo da “suggerirci” i contenuti da pubblicare. Ciò che noi possiamo fare per Google è invece pubblicare contenuti che siano realmente utili all’utente.

Strumento di ricerca parole chiave

Google infatti ci mette a disposizione un ottimo strumento per capire quali siano le parole chiave più ricercate dagli utenti.

Si tratta di AdWords, lo strumento per creare e gestire campagne pubblicitarie online, sul motore di ricerca, sui siti aderenti alla sua rete (AdSense) e le campagne video su YouTube. Sebbene siano attività che in questo momento non faremo, al suo interno c’è un ottimo strumento, il pianificatore di parole chiave (keyword planner), che ci permette di trovare le parole chiave più ricercate su Google.

Lo puoi trovare cercando adwords su Google, accedi usando lo stesso account Google che usi per il canale YouTube. Dopo l’accesso, salta la configurazione guidata, inserisci le impostazioni richieste per poi ritrovarti nella pagina principale di AdWords.

Cliccando sulla chiave inglese che trovi in alto a destra (strumenti) si apre un menu con i vari strumenti a disposizione. Scegli il primo sulla sinistra (Strumento di pianificazione delle parole chiave) ed inserisci parole o frasi dell’argomento di che vuoi trattare.

Google Adwords: impostazioni

Lo strumento ti suggerisce un elevato numero di parole chiave delle quali, per ognuna di esse, ti dice la media stimata delle ricerche mensili (in un range standard) e il livello quantitativo della concorrenza, più altre informazioni utili per chi deve implementare campagne pubblicitarie.

Elaborazione delle parole chiave suggerite

Lo strumento di AdWords ti permette anche di scaricare la tabella in un file .csv, cliccando su SCARICA IDEE PER LE PAROLE CHIAVE. Il consiglio è di farlo, aprirlo con Excel o altro foglio di calcolo ed iniziare un lavoro certosino di studio finalizzato ad eliminare quelle non pertinenti e a raggruppare tutte quelle che hanno una pertinenza comune.

E’ bene anche vedere il totale del volume di traffico stimato sui gruppi di parole chiave, per decidere quanto convenga investire su un determinato argomento.

Infine è bene anche provare ad effettuare una ricerca su YouTube e su Google con le parole chiave scelte, per capire con quali contenuti ti troverai a competere e la loro qualità. Per superarli, dovrai pubblicare contenuti migliori, per qualità, completezza, freschezza e novità. Sono invece assolutamente penalizzati i contenuti duplicati.

Tutto ciò serve a decidere su quali parole chiave impostare i contenuti da pubblicare per essere più visibili dai motori di ricerca. L’ottimizzazione del canale e dei contenuti, insieme ad altri fattori sia strutturali che esterni, contribuisce a rendere i tuoi contenuti più visibili per poi generare traffico verso i tuoi canali di comunicazione.

Privacy Policy