Home / YouTube Marketing / Ottimizzare i video su YouTube

Ottimizzare i video su YouTube

L’ottimizzazione dei video su YouTube è un momento fondamentale per rendere visibili i tuoi video al motore di ricerca. Dopo aver ottimizzato il canale, è necessario concentrarsi sull’ottimizzazione di ogni singolo video caricato.

Dando per scontato che i video che andiamo a caricare siano di buona qualità. Ci sono degli accorgimenti da tenere in considerazione nel caricamento dei video.

Le parole chiave

Come prima cosa, se per l’ottimizzazione del canale abbiamo lavorato su parole chiave generiche, in questo caso dobbiamo entrare più in profondità, lavorando su parole chiave specifiche, verticali rispetto all’argomento specifico trattato dal video.

Il nome del file

Dopo aver scelto la parola chiave su cui ci si intende posizionare, il primo momento in cui va utilizzata è nel nome del file. E’ bene iniziare il nome con la parola chiave, seguita da 3 o 4 parole di descrizione del contenuto, senza inserire articoli, pronomi e preposizioni, con un trattino fra tutte le parole. Il nome del file è già un elemento che il motore di ricerca utilizza per indicizzare i contenuti.

Il titolo del video

Anche per il titolo del video va tenuto in considerazione lo stesso criterio, utilizzando però un linguaggio più naturale possibile, vanno quindi considerati anche articoli, pronomi e preposizioni, ma anche una forma che sia più diretta possibile con l’utente.

La descrizione del video

Per ciò che riguarda la descrizione del video, possiamo giocare con più parole chiave (senza esagerare), purché siano sempre inerenti al tema del video. Vanno poste nelle prime righe del testo pur mantenendo sempre un linguaggio il più naturale possibile. Le parole chiave devono integrarsi nel testo senza forzature.

E’ buona cosa utilizzare la descrizione per stimolare l’engagement con l’utenza, invogliandola ad iscriversi al canale per rimanere sempre aggiornati o a guardare gli altri video del canale. Così come può essere utilizzata per convertire gli utenti in traffico verso il proprio sito (meglio verso pagine specifiche piuttosto che verso la home) o verso le proprie pagine social. Aggiungere anche sempre qualcosa di caratterizzante rispetto al brand, che sia di una azienda o di qualsiasi altro progetto online.

I tag

L’uso corretto dei TAG può diventare uno strumento molto efficacie per comparire nei risultati di ricerca di YouTube ma anche di Google, così come influiscono sulla comparsa del video nell’elenco dei correlati.

YouTube mette a disposizione 500 caratteri per inserire i tag. E’ bene studiare un giusto mix fra tag specifici, legati al contenuto del video, tag generici, inerenti all’argomento generale del canale e tag brandizzati, inerenti all’azienda o al progetto che propone i contenuti. Il metodo più utilizzato è di usare in maggioranza e nella prima parte del campo TAG, quelli specifici, in misura minore i tag generici e in misura ancora minore i tag brandizzati. E’ bene anche che i primi tag riportati siano le parole chiave utilizzate nel titolo e nella descrizione.

La miniatura (immagine di thumbnail)

Anche la miniatura è molto importante, deve essere accattivante ed incuriosire l’utente. E’ meglio realizzarla ad hoc, piuttosto che farla scegliere a YouTube tra i frame del video, e che sia in stratta correlazione con il titolo. Il file da caricare è un .jpg o .png, con una risoluzione minima di 1280×720 px, purché rispetti le proporzioni del video in 16:9, altrimenti si rischiano fastidiose deformazioni.  Prediligere immagini molto contrastate, dove risaltino gli elementi principali.

 

Ottimizzando il canale e i video, siamo già a buon punto, ci sono però molti altri elementi da considerare per la gestione di un canale YouTube.

Privacy Policy