Home / Videomaking / Tecniche di montaggio video

Tecniche di montaggio video

Saper usare un software di montaggio video non è sufficiente per realizzare un buon video.

Montare, infatti, non significa solo mettere insieme dei pezzi di video (clip), significa piuttosto creare un senso narrativo. Così come di fronte ad un foglio bianco, si utilizzano le parole per creare un contenuto, allo stesso modo si usano le immagini sulla timeline, per darne un senso compiuto.

Inutile dire che un buon girato e una buona idea, sceneggiatura o storyboard, stanno alla base di un buon video, ma è anche vero che attraverso il montaggio le idee prendono la forma definitiva. Con un buon montaggio è anche possibile creare contenuti nuovi, o dare senso a dei materiali video girati male o senza un preciso scopo.

Il montaggio nasce con il cinema è c’è una vasta letteratura sul tema, si parla di maestri del cinema che hanno fatto la storia. Qui però non parliamo di storia del cinema (che comunque è bene approfondire) ma di come affrontare un montaggio video se sei alle prime armi.

Il montaggio può influire su molti fattori

Ritmo

Se in fase di ripresa è stato fatto un buon lavoro di scomposizione in più inquadrature, metà del lavoro è già fatto, nel senso che si tratta qui di mettere insieme le inquadrature buone. In montaggio si interviene sul ritmo decidendo la durata delle singole inquadrature.

Nel caso invece il girato sia formato solo da lunghe riprese uniche non suddivise in più inquadrature, è bene comunque trovare degli stratagemmi per scomporre la scena a posteriori e poterne decidere il ritmo.

Uno di questi è il Jump Cut, ovvero creare dei piccoli tagli nella scena, da qualche frame a tempi anche più lunghi. Ciò per mette di creare comunque un effetto ritmico, senza però rinunciare al contenuto.

Esempio di Jump Cut:

 

In ogni caso il montaggio è anche un momento di sintesi, quindi da una scena molto lunga è bene sempre sforzarsi di capire cosa è fondamentale e cosa no.

Di fronte ad una ripresa lunga è necessario scegliere alcuni pochi elementi che riescano a dare un senso narrativo compiuto.

Continuità

Per rendere più fluida la fruizione del video, è importante la continuità, ovvero che nel video non ci siano elementi di disturbo o che facciano distogliere l’attenzione dello spettatore.

Per creare continuità è necessario che tra un’inquadratura e l’altra ci sia un elemento in comune o un raccordo.

L’elemento in comune può essere lo stesso soggetto, ripreso da inquadrature diverse. Le scelte non devono però essere fatte a caso, ma devono rispettare una continuità narrativa.

Sempre per dare continuità si consiglia di creare raccordi sul movimento, ovvero che il taglio sia effettuato durante il movimento di un soggetto o di camera.

Estetica

Eliminare dal montato tutti quegli errori di ripresa, come immagini traballanti, zoommate incerte, movimenti improvvisati e poco fluidi, sovra e sotto esposizioni, al fine di ottenere un montato finale che sia il più pulito possibile.

Nel caso vi sia del parlato di fondamentale importanza su immagini brutte, considerare sempre di inserire immagini di copertura.

Nel seguente video puoi trovare alcune delle tecniche di montaggio più utilizzate:

Privacy Policy