Home / Fatti di video marketing / Video virali low budget: casi più unici che rari

Video virali low budget: casi più unici che rari

Come abbiamo scritto in un altro articolo, la viralità non è frutto di un prodotto ma di un processo.

Un processo che deve puntare alla diffusione su larga scala ma soprattutto a generare un alto tasso di engagement verso gli utenti che possa a sua volta stimolare la condivisione.

Di come si tratti di un processo molto costoso, che prevede il coinvolgimento di svariate competenze.

Esistono però diversi casi in cui prodotti a basso costo sono riusciti a generare un meccanismo virale. Con un po’ di creatività e le giuste competenze tecniche si riescono a realizzare dei prodotti veramente interessanti, che in alcuni casi possono anche diventare virali.

25 Ways to Wear a Scarf in 4.5 Minutes!

E’ il caso ad esempio della fashion blogger Wendy Nguyen  che con il video 25 Ways to Wear a Scarf in 4.5 Minutes! è riuscita a raggiungere più di 40 milioni di visualizzazioni. Molto interessante è il making of che trovate sul suo blog.

Dollar Shave Club

Altro caso interessante è quello della start-up californiana Dollar Shave Club capace di di generare 12.000 clienti dopo i primi 2 giorni di lancio del video DollarShaveClub.com – Our Blades Are F***ing Great che ad oggi ha raggiunto più di 25 millioni di visualizzazioni, grazie ad un contenuto divertente, senza particolari esigenze produttive (se non l’utilizzo di una steadycam), grazie soprattutto al carisma del titolare della start-up, che è anche il protagonista del video.

Per realizzare questi video non sono stati necessari grossi budget, ma la risorsa principale è stata la creatività. Sono casi molto rari, ma possibili.

Inoltre, a dimostrazione di quanto sia importante la strategia nel suo complesso, ti invito ad osservare i loro canali YouTube, e vedere come siano presenti molti altri video, più o meno complessi, e con molte meno visualizzazioni, ma che nel corso del tempo hanno sicuramente contribuito ad aumentare anche le visualizzazioni del video di maggior successo. Un canale YouTube ben strutturato è infatti già un buon punto di partenza.

Privacy Policy